Google Website Translator Gadget

Search This Blog

Loading...

Saturday, June 16, 2012

l'italiano, è un eterno Alberto Sordi: furbino, autolesionista, disonesto, cinico, evasore.

Premessa:
Gli italiani?Abulici, infingardi e da educare alla democrazia - PRIMO PIANO - Milano Finanza Interactive Edition
Tranne rare eccezioni, praticamente soltanto i politici e gli intellettuali «de sinistra», gli italiani sono imperfetti ed è meglio non fidarsene. Secondo Pier Luigi Bersani, che ne discorreva l'altra sera a Ballarò, non puoi dire a un italiano che ci vogliono «meno regole», come fa il governo col suo piano-casa: dagli un dito e lui, l'italiano, ti prenderà prima la mano, dopo il braccio e poi chissà. Questa è l'Italia, ragazzi, via. Più regole, ci vogliono, con gli italiani. Leggi severe, e gli occhi dell'amministrazione pubblica puntati sempre addosso. Altro che «autocertificazione», come si vorrebbe adesso, anche in fatto di case da allungare e allargare. Soltanto un boccalone può credere a un italiano che si «autocertifica» il diritto a sopraelevarsi l'abitazione. Quello, l'italiano, è un eterno Alberto Sordi: furbino, autolesionista, disonesto, cinico, evasore. Ma basterà educarlo al civismo? No, non basta: oltre che al civismo, bisogna educarlo, anzi rieducarlo, anche alla democrazia. A questo pensa, dal 22 al 26 aprile, la Biennale Democrazia di Torino. Mai sentita? Male. Presieduta, tra gli altri, dall'ex presidente della Corte costituzionale Gustavo Zagrebelsky, la Biennale Democrazia provvederà a chiarire che da noi «la democrazia è in affanno», come leggiamo sull'«Espresso». Che fare per guarirla? «Pedagogia», è la risposta di Zagrebelsky al suo intervistatore (all'incirca la stessa risposta che hanno sempre dato, praticamente a qualsiasi domanda gli venisse rivolta, i teorici dello Stato etico, da Hegel in avanti). Si deve sapere, infatti, che la democrazia, «un regime difficile, quasi contronatura», non può essere lasciata alla «spontaneità», minacciata com'è da troppe insidie, che poi, stringi stringi, si riducono a una: «il capitale finanziario globalizzato», «il potere oligarchico». In Italia, poi, essendo gli italiani avidi e egoisti, la democrazia non ha quasi speranze, specie da quando da noi nessuno presta più orecchio al contributo che l'intellighenzia («da Gobetti a Gramsci», che erano poi due famosi ammiratori della Rivoluzione d'ottobre, il secondo addirittura fondatore del Partito comunista italiano) ha dato alla democrazia e al liberalismo. Non sembra uno spettacolo anni sessanta di Carmelo Bene? Noi ce stiamo qui, in platea, e la meglio intellighenzia là sul palco dei talk show e delle Biennali ci bombarda di torsoli di cavolo, mozziconi di sigaretta, semi d'anguria e sputi. Negli anni sessanta l'avanguardia teatrale svillaneggiava il suo pubblico perchè meschino e perbenista. Adesso l'Intellighenzia e il suo braccio armato, la Casta progressista, trattano tutti gli italiani (esclusi loro) come meritano: da abulici infingardi. Non siamo degni della democrazia. Questa «vede i cittadini come capaci d'agire da sé», spiega Zagrebelsky, mentre «la demagogia», che l'italiano alimenta col suo voto irresponsabile, «vuole invece il popolo agito» (bella parola, convenitene). Com'era più bello quando mezzo paese tifava per la Rivoluzione d'ottobre e tutti (come Bersani nei fotocolor dell'adunata Cgil di sabato scorso) andavano sottobraccio con dei veri democratici in maglietta rossa ingentilita da un bel ritratto di Che Guevara!
Tutto questo  risulta da un aricolo di  Diego Gabutti Milano Finanza Numero 084  pag. 8 del 9/4/2009.
Quello su cui vorrei attirare l'attenzione però è un aspetto della personalità Italiana che secondo me sta diventando sempre piu accentuato nella grave situazione attuale. Il  comportamento non reattivo, abulico che sembra essre diventato il piu diffuso comportamento degli Italiani quando gli viene chiesto di eprimersi, di dire cosa pensano, di vivere una vita comunitaria piu intensa.
On line vedo tutti voler agire indipendendemente ognuno inventandosi una sua via privata a cui poi puntualmente corrisponde una scarsissima adesione.
Quali sono le ragioni di questo? Come bisogna agire per fare in modo che ci sia una risposta attiva, dove si risponda con apprezzamento o no ma senza il rifiuto del dialogo senza il disinteresse, senza il silenzio egoista,

No comments:

Blog Archive

Ob1kenobi's shared items

google analytics