Google Website Translator Gadget

Search This Blog

Loading...

Monday, July 18, 2011

Come ognuno può vedere l'innovazione oltre il muro dei taboo culturali, sociali e scientifici

Tutti adesso fanno innovazione e questa è diventata l'ennesima inutile parola che non dice piu niente. Ho visto approcci molto diversi alcuni geniali alcuni cosi rigidamente definiti e complicati. Io penso che chi si trova davanti ad uno scenario non deve pensare ad innovarlo ma innanzitutto a percepirlo e ognuno puo fare questo nel suo unico e personale modo che dipende da come si sono sviluppate le sue capacita di essere dentro una situazione. Guardando un problema, valutandolo e fermando (acchiappando)  le visioni piu significative che inevitabilmente una normale personalita speculativa genera è possibile avere la percezione di possibili nuove strade ma è necessario disporre di una grande forza per andare oltre  quello che l'esperienza passata, i pregiudizi, il comune modo quotidiano di guardare,   gli  inconsci ostacoli imposti dalle convenzioni sociali, scientifiche , professionali e dalla paura di essere solo in un ambiente nuovo ci nascondono
Ecco in questo modo si possono vedere soluzioni inedite che nascono dall'insieme delle esperienze ma non limitate da nessun filtro.
Molti dei metodi basati su principi codificati, impersonali, trasferibili hanno come limite il fatto che anche uomini di grandissima capacita, esperienza specifica, acutezza non riusciranno mai a vedere cosa viene loro nascosto proprio dai filtri imposti da tutto quello che costituice la loro esperienza, abilità, capacita per cui vedranno soluzioni nuove ma solo dentro un insieme di soluzioni delimitato.
Se si vuole vedere cosa c'è al di là del muro misogna ammettere di poterci vedere attraverso. Le soluzioni che si possono trovare in questo modo piu aperto naturalmente non sono tutte valide e soprattutto devono essere viste come il battito d'ali della farfalla che puo cambiare il percorso innovativo. Diciamo che costituisce l'idea innovativa e non serializzabile su cui lavorare.

1 comment:

Nikbarte said...

Ottime riflessioni Dino. Condivido questi tuoi pensieri.
Nicola

Blog Archive

Ob1kenobi's shared items

google analytics