Google Website Translator Gadget

Search This Blog

Loading...

Monday, November 7, 2011

Lettera Aperta AL PRESIDENTE Napolitano e al CARDINALE Bagnasco


Lettera Aperta
AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Giorgio Napolitano
AL PRESIDENTE DELLA CEI CARDINALE Angelo Bagnasco

Gentile Presidente Napolitano,
Gentile Cardinale Bagnasco,

scrivo questa lettera per richiamare la vostra attenzione su una situazione che in questo particolare momento riveste particolare importanza.
Mi riferisco in particolare a quanto detto dal Cardinale Bagnasco lunedì, 26 settembre :

“Non si capisce  quale legittimazione possano avere in un consorzio democratico i comitati d'affari' che si auto-impongono attraverso il reticolo clientelare, andando a intasare la vita pubblica''. ''Il loro maggior costo sta nella capziosita' dei condizionamenti, nell'intermediazione appaltistica, nei suggerimenti interessati di nomine e promozioni''

Ora mi sarei aspettato che dopo una presa di posizione di tale dimensione l’opinione pubblica italiana, il mondo degli affari, gli imprenditori e la gente comune iniziassero un dibattito catartico e un processo di pulizia tale da cancellare tutte quelle realtà che presiedono ai comportamenti accennati nella frase riportata.
La realtà invece è stata estremamente deludente e dopo qualche giorno l’argomento è stato sviato e dimenticato e il sistema ha continuato a marciare come prima.
Tanti anni fa da giovane aspirante imprenditore ho sempre verificato le barriere che separano chi è munito di buona volontà da tutto ciò che può essere di supporto alle nuove iniziative: i finanziamenti, per chi è solo, sembravano poter essere solo in due stati quelli  ancora non attivi e quelli  misteriosamente già erogati.
E’ cosi che si forma quella forma di sfiducia che poi si riversa su qualsiasi cosa ha il colore dello stato. Cosi si perde il coraggio di partecipare agli appalti o di intraprendere nuove strade perche la sensazione comune è che l’utile dell’impresa non è affatto il corrispettivo del rischio ma del trucco che deve esserci immancabilmente altrimenti niente può essere fonte di reddito. E’ qui che la gente si separa dalla comunità dei cittadini contribuenti per cui poi il trucco viene cercato anche per sviare o alleviare il peso delle tasse.
Tornando al discorso del Cardinale Bagnasco mi è stato facile  rilevare che tali entità esistono in infinite forme e sfumature , sotto l’egida delle istituzioni talvolta o talvolta in quella particolarmente vischiosa area grigia dove aree contingenti a movimenti, a forme giuridiche non a fini di lucro, ad  aree di privilegio  utilizzanti rapporti con l’estero UE e non.
E’ evidente che la leva su cui questi organismi manovrano non è solo quella affaristica ma anche e soprattutto quella del credito, grazie alla continuità e aggregazione in infinite forme diverse con il sistema finanziario.  Queste caratteristiche fanno diventare le strutture di cui parliamo non una opzione ma un must per chiunque si voglia affacciare al mondo degli affari rendendolo docile ad ogni richiesta e silente come richiesto.
Ora, mi chiedo come con queste premesse l’Italia piegata in due dalla crisi possa raddrizzarsi, quale meritocrazia possa nascere, quale innovazione possa essere possibile in regime dove l’ultima cosa richiesta ad un imprenditore è di pensare.
Sullo stimolo di quanto detto dal Cardinale Bagnasco  ho cercato di approfondire le mie conoscenze in proposito, di vedere come storicamente le cose si erano evolute, scoprendo che questo cancro già partiva dal medioevo e che anche la le mafie avevano avuto un loro ruolo, scoprendo comportamenti al limite della legge e talvolta fuori dalla legge.
Gentile Napolitano, Gentile Cardinale Bagnasco:
Tutto questo per chiedervi se sia giusto porsi delle domande e tentare di darsi delle risposte e possibilmente cooperare perche insieme alla comunità nazionale si possa scegliere di percorrere strade più corrette senza dover fare gli eroi. In particolare per chi entrando in questi campi senza esperienza rischierà di perdere inutilmente tempo e risorse danneggiando il suo futuro e quello dell’Italia.

No comments:

Blog Archive

Ob1kenobi's shared items

google analytics