Google Website Translator Gadget

Search This Blog

Loading...

Sunday, August 28, 2011

Libya: La lente deformante delle televisioni e della stampa e della politica

Lo spettacolo delle superpotenze internazionali alleate, la disposizione da terza querra mondiale con portaerei, bombardieri, droni, bombe a grappolo, agenti segreti. Tutto questo per fare il solito borseggiamento mascherato da azione umanitaria: a Napoli lo avevano gia inventato piu di cento anni fa  ( tecnicamente si chiama "bump")  urta e scappa. Tutto questa questo spiegamento di forze, che era abbastanza sospetto gia all'inizio di questa guerra (io lo avevo notato nel post "Allarme rosso" ), non per combattere un poderoso esercito sovietico o di una superpotenza ma per prendersela con uno stato che viene al 102esimo posto per numero di abitamti  dopo il Togo e Hongkong ( FONTE CIA ) https://www.cia.gov/library/publications/the-world-factbook/geos/ly.html .

L'inizio era per una azione di "NOFLYZONE" perche qualcuno artatamente aveva sparso le voci di bombardamenti di Gheddafi sulle città, cosa poi risultata falsa.

La "noflyzone" non è stata mai fatta e se Gheddafi aveva aerei in grado di volare nessuno gleli ha toccati. Israele ha bloccato l'Egitto ( estremamente piu potente e tecnologico)  in sei giorni. Era pure troppo evidente che la Nato poteva compiere azioni per distruggere tutte le armi di Gheddafi in altrettanto tempo.

Ma invece la Nato ha preferito incoraggare lunghi estenuanti scontri tra cittadini nelle strade armati il giusto per non farsi uccidere troppo facilmente ma non troppo per non far finire subito il gioco. Scontri che hanno trasformato inermi cittadini e artigiani e agricoltori in guerriglieri esperti dotati  della migliore tecnologia di guerriglia grazie agli "aiuti Nato". Scontri che hanno riempito gli ospedali di feriti e di ,morti ora presentati come "ospedali degli orrori dove si torturava". La tortura e una gentile tecnica made in USA generalmente usata per estorcere informazioni : che informazioni potevano avere i ragazzi e i bottegai Libici che mai avevano visto un mitra prima?

Tutto questo rispecchia alla lettera il copione Americano già usato infinite volte. La distruzione accurata di qualsiasi edificio e impianto era un must per poter poi dare in pasto alle fameliche imprese, che come iene si aggiravano tra i cadaveri,  gli agognati appalti.

I link riportati in fondo parlano delle porcherie di una guerra sporca, ognuno è libero di crederci o meno.

Ora finalmente la Nato ha deciso di entrare nel supermercato e prendersi il petolio prima dell'arrivo del'inverno con grande senso di organizzazione. Per fare questo molti stati, in testa l'italia, hanno riconosciuto un cosiddetto "Governo provvisorio". Il negoziatp con questo governo è esilarante : nessuno lo ha mai dotato di qualche autorità, i suoi membri cambiano a ritmo impressionante, molti sono stretti collaboratori di Gheddafi che sicuramente sono corresponsabili con lui degli stessi suoi crimini.

I ribelli libici della CIA sono gli stessi terroristi che hanno ucciso truppe statunitensi e truppe NATO in Iraq
Uno studio di West Point mostra che l’area di Bengasi, Derna e Tobruk era leader mondiale nel reclutamento di bombaroli kamikaze di al Qaida

I DISUMANI CRIMINI DI GUERRA DEI RIBELLI LIBICI APPOGGIATI DA OBAMA

I ribelli: il Triumvirato del Terrore al comando di Derna

Second il “Daily Telegraph” londinese del 26 marzo, Derna, città chiave nel cuore dell’area dei ribelli, fra Bengasi e Tobruk, è comandata da al-Hasidi, un capofila di terroristi di al Qaida che si è addestrato e si è intrattenuto amichevolmente con Osama bin Laden presso il campo di addestramento di terroristi di Khost, in Afghanistan. Hasidi si vanta di aver inviato 25 miliziani a combattere contro le forze NATO e statunitensi in Afghanistan; viene da chiedersi quante persone siano riusciti a uccidere. Hasidi è stato un prigioniero di guerra degli Stati Uniti dopo essere stato catturato dai pakistani, ma il “Wall Street Journal” del 2 aprile racconta che egli oggi odia gli Stati Uniti per “meno del 50%”, con ciò suggerendo che gli americani possono redimersi compiacendo al Qaida e quindi fornendole armi, denaro, potere politico e supporto diplomatico. Al suo fianco nella leadership della città c’è Sufian bin Komu, lo chauffeur di Osama bin Laden, un altro terrorista che è stato in carcere a Guantanamo per 6 anni. Inoltre, fra i pezzi grossi della città di Derna c’è al-Barrani, un devoto membro del Libyan Islamic Fighting Group, che si era fuso con al Qaida nel 2007.

During the 1990s, QADHAFI began to rebuild his relationships with Europe. UN sanctions were suspended in April 1999 and finally lifted in September 2003 after Libya accepted responsibility for the Lockerbie bombing. In December 2003, Libya announced that it had agreed to reveal and end its programs to develop weapons of mass destruction and to renounce terrorism. QADHAFI subsequently made significant strides in normalizing relations with Western nations. He hosted various Western European leaders as well as many working-level and commercial delegations, and made his first trip to Western Europe in 15 years when he traveled to Brussels in April 2004. The US rescinded Libya's designation as a state sponsor of terrorism in June 2006. In August 2008, the US and Libya signed a bilateral comprehensive claims settlement agreement to compensate claimants in both countries who allege injury or death at the hands of the other country, including the Lockerbie bombing, the LaBelle disco bombing, and the UTA 772 bombing. In October 2008, the US Government received $1.5 billion pursuant to the agreement to distribute to US national claimants, and as a result effectively normalized its bilateral relationship with Libya. The two countries then exchanged ambassadors for the first time since 1973 in January 2009. Libya in May 2010 was elected to its first three-year seat on the UN Human Rights Council, prompting protests from international non-governmental organizations and human rights campaigners.

No comments:

Blog Archive

Ob1kenobi's shared items

google analytics